Recent Posts

We Food, dove il cibo è un'emozione

We food: due parole, sei lettere che parlano di voi che leggete, di noi che scriviamo, di tutti noi con vita, stili e abitudini differenti ma accomunati dal piacere del buon cibo alla portata di tutti. L’ambizioso progetto di Alessandro Maggiore, 25enne romano, ha l’obiettivo di "Trasferire emozione, che sia con una birra artigianale, con una cheesecake o con un hamburger, l’importante per noi è trasmettere ai nostri ospiti piacere e sapori".

Nel locale di via della Lega Lombarda 28 viene rispettata la filosofia del “fatto in casa”: dolci, pane, salse, cetrioli sottoaceto, affumicature, tutto è rigorosamente homemade. Non poteva essere diversamente considerando le origini dell’ideatore del Home Modern Resturant: un’infanzia trascorsa assaporando gusti e profumi genuini nella cucina della nonna siciliana e nella fattoria della nonna irlandese.

"No fast food, ma We Food. Un nuovo modo di mangiare. Per me uno stile di vita e di pensiero" racconta Alessandro. Tante idee di qualità e in continuo mutamento. Tra le proposte del menu le costolette di maiale affumicato al legno di whisky e ciliegio, il salmone affumicato al legno di melo, gli hamburger vegetariani (e in arrivo anche quelli vegani) e non resta che farsi tentare.

Per far tornare un po’ bambini i suoi clienti, tra le proposte del menu, c’è il gusto “spensierato” dei pop corn, ma in versione gourmet con cheddar e bacon, parmigiano, timo e limone, caramello e cocco, per citarne alcuni.

Anche ai drink è data grande attenzione. Il Margarita, drink simbolo del locale, fresco e frizzante, è servito in bicchieri da tavola da sorseggiare gustando un hamburger o un dolce.

Una delle passioni del padrone di casa sono le birre, quelle artigianali. "I miei supereroi non sono batman o superman, ma i mastri birrai". "Qui le birre artigianali sono quelle vere. Quelle che non si trovano nei supermercati". Birre scelte e selezionate nei migliori birrifici italiani ed esteri.

Da We Food l’intrecciarsi di stili di vita diversi è rappresentato benissimo dalle illustrazioni che ricoprono una parete del locale e che, in chiave satirica, raccontano la loro filosofia: l’equilibrio. Dare la stessa importanza a cibi differenti, ai cibi vegan, alla carne e al pesce. Al dolce come al broccolo.

Anche il logo è scherzoso e dinamico e raffigura Susy, la cagnolina Bull Terrier di Alessandro.

We Food è anche design e relax: 600 mq dove poter trascorrere qualsiasi momento della giornata, dalla colazione al dopo cena. Tavoli in legno, sedie di design, due banconi dove poter bere un drink e ritirare il cibo (attraverso il badger, da loro ribattezzato “cicalino”, che avvisa quando l’ordine è pronto). La zona relax, una scatola in legno con sedute in pallet e parquet, è ideale per rilassarsi, per un aperitivo e, perché no, anche per una riunione di lavoro. Infine, uno Shop in perfetto stile londinese, dove ogni cliente può acquistare pane, sandwich, insalate, salse, bagel, tramezzini e dolci preparati quotidianamente con ingredienti freschi e di stagione.

Soddisfatti nel palato, ma anche agli occhi. Qui, infatti, l’attenzione al particolare non manca, dai menu al packaging fino alle bottigliette d’acqua tutto è brandizzato e firmato “We Food”.

Nella “to do list” suggerita da Civico d.o.c.: provare l’hamburger kali-o [avocado, anelli di cipolla fritti, formaggio cheddar, bacon, insalata, pomodoro e cipolla] e bere la Birra artigianale dell’Eremo. Info su: facebook.com/WeFood2015

Articolo scritto per Gino Magazine

Archive
Search By Tags

© 2016 by LE CIVICO lecivico@gmail.com